Economia

10 Comments

  1. 1
    1. 1.2

      Marius Ioan Vasilescu

      Esatto caro Carlo Congiu: colpiti e affondati…

      Reply
  2. 2

    Carlo Congiu

    io ci andrei subito, se non si lavora non ci si diverte per le feste o le ferie quando te le danno

    Reply
  3. 3

    Stefano Bernardini

    Seee bisognerebbe proprio vedere cosa ha offerto st’imprenditore

    Reply
  4. 4

    Rita Desogus

    Mio figlio lavorerà la notte di Natale e per capodanno.non sono tutti uguali e poi credo che ormai ci si marci con questa solfa.

    Reply
    1. 4.1

      Cristina Paloma

      Lavora pure mio marito ma svolge un servizio primario. Le feste è pagato bene e per una festa che fa, resta due gg a casa, ma son lavori diversi da chi viene obbligato a stare in negozio per una paga indecente e minacciato che dietro l’angolo trova tanti schiavi disposti a lavorar pure x meno. La crisi del lavoro colpisce pure chi lavora, perché l’offerta è tanta

      Reply
  5. 5

    Giovanni Poddi

    Ledda vai al quel paese. La vita è una sola. Quindi bisogna godersela il più possibile. ..

    Reply
  6. 6

    Cristina Paloma

    Ledda che fa lavora a Natale? I lavoratori non sono viziati ma sfruttati. Lavorare a Natale per guadagnare quanto? Tanto da pagarci una bolletta o lavorare per far felice il padrone schiavista e non incazzarlo per licenziare? Quando la manodopera è in eccesso, la gente è costretta a chinar la testa e ubbidire pure se quel lavoro non lo rende ricco e lo consuma. Ma la salute non si paga. Un uomo ha bisogno anche delle feste e di stare in famiglia per Natale.

    Reply
    1. 6.1

      Marius Ioan Vasilescu

      Cara Cristina Paloma, nessuno ti da torto sia ben chiaro ma, come ben vedo leggendo non solo il tuo di commento, la prima domanda non è: cosa ci sarebbe da fare per quella paga, ma quanto si paga, il che non è un atteggiamento sintomatico per un’irrefrenabile voglia di lavorare…
      Cordiali saluti!

      Reply

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

© Testata giornalistica registrata: Tribunale di Cagliari 43/1998. Editore Ad Maiora Media. Partita Iva: 03591220920. Webdev Antonio Palumbo