4 Comments

  1. 1
    Alberto Mula

    Alberto Mula

    Parere personale, è un tipo di turismo che non porta nulla, solo code interminabili, inquinamento, sporcizia. Sono peggio delle cavallette, esatto opposto dei motociclisti, minimo imgombro, pernotto in hotel o campeggio, necessità di acquistare cibo e bevande in loco.

    Reply
  2. 2

    Antonio Cubeddu

    Il signor Robin Roverati avrebbe dovuto studiare o semplicemente leggere gli studi e ricerche del settore.
    La cosa che mi ha fatto sorridere di piu’ è il passaggio del suo articolo dove sostiene che i camperisti si portano dietro la roba da casa, “al 90% si portano cibarie e altro dai loro paesi, perciò economia pari a zero”. Niente di più falso visto che in un camper al massimo ci stanno le provviste per 2/3 giorni e ogni volta che si visita una località si acquista dalla bottiglietta d’acqua alla cena in ristorante.
    Consiglio di verificare il costo dei camper che ci sono in circolazione. Qualcuno di questi ha il valore di un appartamento del centro di Cagliari … altro che Unni e parassiti.
    Va bene l’associazione Camperisti Sardi a difendersi nelle dovute sedi.

    Reply
  3. 3
    Antonina Foddanu

    Antonina Foddanu

    Be con il benestare della regione si può tutto ! Meno l’industria del turismo , no hotel , no ristorante , no spesa , si portano la carta igienica , le scatolette, bevande e girano scaricando le loro fosse asettiche anche in mare , e quando possono parcheggiano nei posti macchine !

    Reply
  4. 4

    RoveratiRobin

    La difesa d’ufficio è tanto dovuta quanto “fasulla”! 1°) Lo scritto Molto chiaramente si riferisce a campers di NON residenti. 2°) E’ falso che che può contenere provviste per 1/2 gg. 3°) Mi spieghino Dove scaricano i liquami quella stragrande maggioranza che NON risulta stazionare nei camping o altre aree attrezzate. 4°) Dove o da chi riforniscono giornalmente la cisterna dell’acqua potabile.5°) Come conservano e dove depositano l’immondezza in modo differenziato.ecc ecc Poi visto che CHIUNQUE venga in vacanza (Hotel-Villaggio-Residence ecc) Paga una sorta di tassa di soggiorno..PERCHE’ loro NO? Non la faccio neppure più lunga di tanto visto che la verità la conosciamo bene anche dalle cronache,alcune riguardavano anche delle “appropriazioni”(sabbie,Ginepri,pietre ecc) in attesa delle loro “azioni in opportune sedi” ove finalmente si potranno Rendere Pubblici tutti i contorni di questa realtà che Solo nella nostra isola è in un regime di “semi anarchia” visto che ovunque vigono: tasse di ingresso,numero chiuso,tasse di stazionamento e Regolamentazioni molto rigide!!! Ahiò!!!

    Reply

Commenta

© Testata giornalistica registrata: Tribunale di Cagliari 43/1998. Editore Ad Maiora Media. Partita Iva: 03591220920. Realizzato da Up Web