Dal Palazzo

10 Comments

  1. 1
    Cristian Carta

    Cristian Carta

    Questo essere che solo così si può chiamare pensa solo ai migranti e non i sardi complimenti davvero 🤬🤬🤬

    Reply
  2. 2
    Pierpaolo Paolopier Deiana

    Pierpaolo Paolopier Deiana

    Non pensi hai sardi che ci sono disoccupati invece di pensare hai clandestini che non sappiamo nemmeno da dove vengono

    Reply
  3. 3
    Maria Vincenza Battelli

    Maria Vincenza Battelli

    Uff, ma pro meda n’ adasa , e cambia discu.

    Reply
  4. 4
    Lia Pu

    Lia Pu

    In Sardegna nn ci sono profughi ma solo clandestini!

    Reply
  5. 5
    Castel Kalarìs

    Castel Kalarìs

    La direzione nella quale devono essere spese le tasse da noi pagate la decidiamo noi

    Reply
  6. 6
    Angela Palmas

    Angela Palmas

    Accoglienza Accoglienza = mafia nigeriana a Cagliari !!!

    Reply
  7. 7
    Lello Foto

    Lello Foto

    Avete distrutto la sanita’ per i sardi per farvi avanzare risorse per i clandestini.Vergognatevi,Arru e Spanu.

    Reply
  8. 8
    Giovanna Bonino

    Giovanna Bonino

    Manca solo 1 mese… Speriamo bene …🙏uniamoci e mandiamoli a casa

    Reply
  9. 9
    Marius Ioan Vasilescu

    Marius Ioan Vasilescu

    Mi sa proprio che il “discorso immigrazione” stia rapidamente cambiando: c’è una radicale differenza tra “GARANTIRE ACCOGLIENZA”, come si dichiarava sino a qualche mese fa e …”…Garantire accoglienza A COLORO CHE HANNO DIRITTO…”…, così come viene dichiarato oggi !!!
    O no !???

    Reply
  10. 10

    Bruno

    Io non andrò a votare. Purtroppo i candidati sono uno peggiore dell’altro.
    Prepariamoci alla rovina della Sardegna, alle lottizzazioni selvagge, alla chiusura delle spiagge alla costruzione in ogni area privata senza il minimo rispetto del paesaggio della logica e della razionalita.
    Ai mali della immigrazione aggiungeremmo i mali della speculazione.

    Reply

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

© Testata giornalistica registrata: Tribunale di Cagliari 43/1998. Editore Ad Maiora Media. Partita Iva: 03591220920. Webdev Antonio Palumbo