Tabula rasa

17 Comments

  1. 1

    Informatore

    Gentile Zaccheo,

    inizialmente mi fa piacere leggerla perchè sembra serio e storico. Ma quando mi cade sul diacono, attribuendo a Miglio di aver ordinato un condannato in I grado!!!… Ahiahi perdo tutta la stima.  Si informi bene: legga il Notiziario diocesano della Diocesi di Cagliari (ultima pagina) e saprà che tale condanna di I grado è stata annullata niente di meno che dal Papa. Tale pronunciamento papale che riguarda sia il merito che i vizi procedurali è definitivo e inappellabile. Se avesse saputo queste altre cosette avrebbe potuto aggiungere, per rimanere in linea col suo giudizio su Miglio, che quest'ultimo pure nella situazione riguardante il diacono S-condannato (oggi prete) fece come Ponzio Pilato: cioè non prese posizione nè cercò di dirimere tale "squallida situazione" in cui l'anello più debole era proprio il suo diacono.

    L'Informatore

    Reply
  2. 2

    ZACCHEO

    E' vero, caro L'Informatore: quel diacono è stato ordinato prete da Miglio, e ancora una volta senza una spiegazione pubblica dell'accaduto da parte del Vescovo. Sarà bene dire anche ai lettori che il pronunciamento papale è stato pubblicato sul "Notiziario diocesano" da lei citato soltanto molto tempo dopo l'ordinazione del diacono s-condannato (come lo chiama lei), e solo dopo molte insistenze, che lei certamente conosce, da parte di chi – ed erano tantissimi – volevano conoscere le ragioni di quella repentina ordinazione di una persona "chiacchierata" (sia detto senza alcuna colorazione polemica). 

    Dal momento della pubblicazione, anche in Vaticano va avanti un acceso dibattito sulla reale efficacia di quel provvedimento. In ogni caso, storicamente un condannato in primo grado resta tale, anche se poi viene assolto in un successivo grado di giudizio. In questo caso, non bastava un tribunale d'appello (come avviene di norma anche secondo il diritto canonico): per assolverlo c'è voluto addirittura il Papa. Anche questo non è strano? Non perda la stima in me, io non l'ho certamente persa in lei, che stimo da tempo e leggo sempre con attenzione.

    Zaccheo

    Reply
  3. 3

    Informatore

    Si, caro Zaccheo, non perdo ancora la stima: è interessante questo capitolo della Chiesa che è in Cagliari…. MA!!!! Convengo con lei sul fatto che Miglio non ha abbia mai dato alcuna spiegazione pubblica. Sul fatto della pubblicazione a livello diocesano di quel decreto papale deve considerare che quel Notiziario, seppure tardivo, fu comunque il primo notiziario dopo quella ordinazione che raccoglieva numerosi altri eventi insime al suddetto pronunciamento pontificio. Le insistenze dei fedeli crisitani di Cagliari, che conosco bene e che ho seguito durante tutti gli anni, erano piuttosto sulla mancata ordinazione sacerdotale di tal giovane, non furono cioè conseguetni all'ordinazione: come mai tal giovane, improvvisamente, dopo più di 12 anni di seminario in cui non ebbe a favorire lamentele o giudizi negativi da alcuno, anzi ottenendo stima nell'ambiente diocesano (infatti fu ordinato diacono), non fu fatto prete da Mani? Forse sono gli inaspettati effetti collaterali del diaconato? Il fatto che la sentenza sia papale e che, oltre al merito, condanni vizi procedurali fa capire chiaramente ad un gioco di potere. Da una parte il nulla della dimenticata Isola: c'era il diacono, da solo, che non fu difeso nè da Mani e nè da Miglio, mentre dall'altra parte c'era la crema della capitale: un parroco romano, il Cardinale Vicario apertamente schierato col parroco (da considerare che il Cardinale Vicario è pure il Moderatore del Tribunale diocesano e Prefetto emerito del Supremo Tribunale della Signatura Apostolica), i giudici di I grado (rammenti che, com'è noto, quelli del primo turno furono pure ricusati dal giovane seminarista cagliaritano perchè in amicizia con Mani).

    Se il Papa è intervenuto non fu certo per fare le parti al giovane chierico e per mettersi addirittura in antitesi col suo Vicario e contro un noto parroco della sua diocesi, ma è forse perchè la vicenda diventò sempre più squallida e scandalosa a causa dei giochi di potere e delle sempre più evidenti e malate alleanze di "amici" con l'unico fine. La sentenza emanata dai giudici di nomina papale ha annullato la sentenza di I grado, ergo non permane nessuna condanna (consta o non consta di un reato, quindi!!): il tribunale diocesano dell'Urbe fallì in tutto e vergognosamente.

    Le ricordo poi che è ben noto perchè di dominio pubblico che, dopo il I grado, l'allora diacono interpose appello alla Rota… rimane, però, senza soddisfazione una mia personale curiosità: quale delle due parti in difficoltà si rivolse al Papa dopo l'appello? Credo comunque quella parte che non gradiva l'appello dopo una vittoria ottenuta con meschine macchinazioni e giochi di forza. C'è voluto il Papa – come lei dice – per assolverlo? Oppure c'è voluto il Papa (come io credo) per riconoscere l'innocenza del diacono e soprattutto per mettere a tacere una storiaccia vergognosa che, per fragilità umane e per immoralità rilevate nei tribunali ecclesiastici, rischiava di deflagrare dopo anni di forzato ed ingiustificato trattenmento? Non le ho rivelato nulla che non si sappia già!

    Informatore

    Reply
  4. 4

    Informatore

    Aggiungo: non si può parlare di "repentina ordinazione" quando il diacono, da diacono, ha aspettato più di sette anni per diventar prete, quando invece bastano sei mesi. Poi: sulla validità del decreto? Ohh certo! Non so chi, a Roma, potrebbe discutere sull'efficacia di tal provvedimento, sta di fatto che parlano di un'efficacia che ha già sortito l'effetto: "nullità insanabile" della sentenza di I grado decretata dal supremo legislatore nella Chiesa Cattolica. Prima Sede a nemine judicatur. Tale provvedimento, così come recita pure il dispositivo, è definitivo e inappellabile. Sarebbe ridicolo mettere in discussione l'efficacia di un decreto approvato dal Papa o avere dubbi sulla potesta esecutiva che il Papa esercita nella Chiesa… penso che lei parli di voci di corridoio su una questione chiusa e archiviata, certo unica per chi ha interesse per gli studi canonici.

    Reply
  5. 5

    ZACCHEO

    Caro L'Informatore, penso che rischiamo di annoiare i lettori di questo bel sito.

    Questa sarà quindi l'ultima mia su un aspetto che evidentemente Le sta particolarmente a cuore rispetto a tutti gli altri contenuti nel mio umile scritto, vista la profluvie di dettagli che Lei conosce (e io no). Umilmente non mi scandalizzo se un diacono non viene ordinato, anzi: ahimè, data la qualità di certo nostro clero (fortunatamente non tutto), ben vengano severe selezioni, tra l'altro invocate dagli ultimi tre pontefici (specie riguardo le inclinazioni sessuali degli ordinandi). Aggiungo: il Nostro deve averla fatta davvero grossa se – dopo essere arrivato addirittura accanto a Papa Benedetto a servire da diacono le celebrazioni domenicali – qualcuno ha ritenuto di fermarne l'ordinazione. E lo stesso Miglio ha atteso non poco prima di procedere. Potrei farle nomi e cognomi di altri diaconi che attendevano da tempo l'ordinazione, e che Miglio ha repentinamente ordinato senza troppo indagare sui motivi del ritardo, e di altri che ancora attendono, ma evito volentieri, perchè a Lei pare interessare solo il diacono in questione, "casualmente" grande accusatore di altri sacerdoti della diocesi con denunce e dichiarazioni rese pubbliche all'indomani della sua ordinazione (ma questo per lei sarà un dettaglio…).

    Su questo giovane mi restano solo due dubbietti piccoli piccoli, proprio sul provvedimento papale che Lei cita. Come mai non sono mai comparsi su un atto ufficiale i nomi di quelli che lei chiama "giudici di nomina papale"? Come mai sul Notiziario diocesano non è stato pubblicato l'originale del provvedimento, come ci si sarebbe potuti aspettare (non credo che il Papa si interessi spesso della sede cagliaritana), ma solo il testo? E perchè l'ordinario del luogo non ha mai sentito il dovere di spiegare la vicenda in pubblico, data la confusione generata dai suoi comportamenti in tanti fedeli? La nostra piacevole discussione a quel punto diverrebbe inutile. Per me è un'altra prova della reticenza dell'attuale assetto diocesano ad aprirsi, a comunicare. Avrà mica ragione Luigi Almiento che su L'Unione Sarda ha scritto "Papa Francesco ha aperto le porte della Chiesa, il vescovo Miglio le ha chiuse"?.

    Reply
  6. 6

    Informatore

    Gentile Zaccheo, grazie della sua ultima.

    Apprezzo che abbia usato il condizionale nel parlare di questo diacono: è segno che lei, pur avanzando molte ipotesi, non conosce questa vicenda. In effetti vedo che non la conosce per niente.  Sarà sicuramente utile questo modo di fare per fomentare il "clima di veleni e di sospetti" del quale lei si dispiace in questo articolo, interessante  ma poco storico . Grazie a Dio, di fatto e senza condizionali, quel capitolo che riguardò la Chiesa di Cagliari si è chiuso bene e definitivamente. 

    Reply
  7. 7

    zaccheo

    Caro L'informatore, 

    l'attendevo, e non avevo alcun dubbio che sarebbe passato alle offese, non riuscendo a rispondere ai dubbi che ho avanzato senza usare alcun condizionale. Lei e i suoi amici dite bene: quel capitolo si è chiuso, e ne siete giustamente felici perchè giunse a scombinare le uova nel paniere di qualche Congrega. Foste sinceri, sareste vieppiù preoccupati di quel che accade oggi nella Diocesi cagliaritana (arresti e indagini penali): invece di tutto quello che si dice, e ho scritto, l'unica cosa che vi interessa è cercare di difendere l'indifendibile diacono ordinato solo dopo l'intervento papale (tradotto, significa che non è bastato il successore di Mani, come qualcuno sperava). Bene, godetevela. La diocesi – grazie a Dio – non è piccola nè quanto una parrocchia, nè quanto il vostro siterello, da tempo infatti in disuso perchè l'unica cosa che vi interessava era quella che, a Cagliari, sappiamo in tanti. Auguri.

    Reply
  8. 8

    Informatore

    Molta molta confusione vedo…eccome se ho risposto ai suoi dubbi! Ma non c'è più sordo di chi non vuol sentire (più chiaro di quel dispositivo pontificio apparso nel Notiziario). Non ritenga, orsù, un'offesa il rimarcare, da parte mia, la poca storicità che, oltre ad appoggiare inutili dubbi, pure fomenta calunniose vociferazioni o fantasie. In realtà si tratta di un invito ad informarsi meglio, magari iniziando a conoscere meglio le persone citate in tutto l'articolo e non per sentito dire da qualche prete (o vescovo) pettegolo o appassionato di romanzi… potrebbe intervistare Miglio o l'ex-diacono! 

    Se però poi lei è lo stesso Zaccheo che ha speso il suo tempo a leggere e scrivere nel sito che ora denigra, capisco bene che è impossibile per lei, per chiaro partito preso, cambiare opinione anche davanti all'evidenza. Proprio perchè nello sforzo di essere sincero, mi son permesso di rettificare con queste note il suo lapidario, infondato e per nulla circostanziato giudizio sull'allora diacono. Lei avanza dubbi contro fatti evidenti, mentre io le ho passato fatti circostanziati (che se vuole può approfondire, ma ahimè non potrà contraddire).

    Convengo con lei sulla evidenza di quanto la politica del silenzio sia stata perniciosa per la stessa Chiesa di Cagliari e per alcuni religiosi da lei nominati, fatalmente caduti in pasto del nostro giornale isolano senza una parola di spiegazione da parte delle istituzioni diocesane… insomma per Miglio vige il "si salvi chi può". Con tutto quello che lei afferma su Miglio e che io condivido, penso sia dunque un onore per quel giovane religioso cagliaritano aver ottenuto giustizia ai vertici della Chiesa, cioè nella coscienza di un Papa che, con normalità, sa prendere addirittura una cornetta per stare vicino a chi è in difficoltà più degli altri e digitare anche uno 070.

    Ricambio gli auguri.

    Reply

Commenta

© Testata giornalistica registrata: Tribunale di Cagliari 43/1998. Editore Ad Maiora Media. Partita Iva: 03591220920. Webdev Antonio Palumbo