Apertis Verbis

3 Comments

  1. 2

    Giovanni Serreli

    Gentile Gianfranco Leccis,
    condivido in pieno i contenuti e le sollecitazioni nel suo articolo. E glielo dico da direttore di un piccolo presidio culturale, il MudA di Las Plassas, che opera da appena due anni (il prossimo 18 maggio festeggiamo il terzo anniversario), è a norma con i requisiti ICOM e RAS, dà lavoro stabile a tre operatori, non riceve alcun contributo regionale per il suo funzionamento, e già ospita qualche migliaio di visitatori (soprattutto in età scolare) ogni anno. Debbo però aggiungere alla chiusa del suo articolo, dati per acquisiti i meriti delle fondazioni o società e cooperative da lei citate, una amara constatazione: nonostante le nostre proposte documentate è impossibile fare sistema, fare rete fra le realtà locali a causa del fatto che molte delle realtà storiche (alcune fra quelle da lei citate) sono destinatarie di consistenti finanziamenti annui dalla RAS e quindi sono poco propense a legarsi con il territorio e le realtà circostanti per fare si che l’offerta sia migliore, più articolata e appetibile anche ad un pubblico più ampio e variegato. E le istituzioni regionali, in particolare l’Assessorato ai BBCC non fanno niente per invertire questo sistema, per promuovere la rete fra offerte turistico-culturali. Questo immobilismo è ancora più grave se si considera che esiste una legge, la buona L.R. 14/2006, che offre tutti gli strumenti per operare in questa direzione; tra gli altri obiettivi della legge, risulta inattuato l’art. 14 comma 2 lett. A che istituisce l’Osservatorio Regionale dei Musei….
    Anzi peggio: l’attuale assessore ha fatto svolgere le elezioni dei rappresentanti dei direttori (nel dicembre 2014) e, nonostante a livello burocratico sia tutto definito, non ha mai convocato i rappresentanti eletti che, senza dubbio, avrebbero offerto all’assessore una visione aggiornata e una serie di soluzioni per fare del turismo sardo (con il valore aggiunto di quello culturale) il vero motore dell’economia e dell’occupazione in Sardegna, come Lei auspica. E non stiamo certo parlando di cifre esorbitanti, soprattutto se paragonate a quanto la Regione continua a spendere nella sanità. Cordialmente
    Giovanni Serreli
    Istituto di Storia dell’Europa Mediterranea (ISEM)
    Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR)
    Direttore del MudA (Museo multimediale del Regno di Arborèa)

    Reply

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

© Testata giornalistica registrata: Tribunale di Cagliari 43/1998. Editore Ad Maiora Media. Partita Iva: 03591220920. Webdev Antonio Palumbo