23 Comments

  1. 1

    maurizio

    Mamma mia quanta ignoranza.
    E’ evidente che non sappia di cosa sta parlando (cisterne da 600 litri SOB!!) e
    che preferisce tante belle casette magari abusive.

    Reply
  2. 2

    Maria Grazia Pruneri

    Caro sig. Robin Rovereto sono una degli “unni”:
    1) forse è lei che butta i rifiuti dove non dovrebbe
    2) non si scarica nulla nei fossi, si entra nei campeggi o nelle AA per eseguire queste operazioni e le assicuro che si fanno pagare molto bene
    3) anche i traghetti si fanno pagare bene e paghiamo
    4) vogliamo parlare del parcheggio selvaggio delle auto indipendentemente dalla presenza di camper? e non parlo di agosto visto che ho la fortuna di poter e stare vacanze in quel periodo
    Concludo dicendole che l’unno corse è lei e quelli come lei che non conoscono nulla del mondo dei camper e nemmeno vogliono conoscerlo. Me ne andrò în Grecia dove si spende meno e siamo accolti MOLTO MA MOLTO MEGLIO.

    Reply
  3. 3

    Simone Moriconi

    Per fortuna ho tanti amici sardi, e vi conosco bene, altrimenti dopo queste banalità e informazioni false col cavolo che ci portavo i miei soldi.

    Reply
  4. 4

    Max

    Che vergogna questo articolo, scritto dal solito non addetto ai lavori che parla di cose che non gli competono, cosa abbastanza di moda ormai in Italia.

    La Situazione Sarda non la conosco e non posso giudicarla, ma da carperista essere etichettato “parassita ambientale” da un chicchessia a caso proprio non mi va.

    Ho acquistato un camper e viaggio molto, faccio molte soste “libere” cioè, dove posso, non utilizzo campeggi, che, in Italia, e sicuramente anche in Sardegna, se ne approfittano chiedendo prezzi esagerati per servizi scadenti e di base che ogni stato europeo da ad un quinto.

    Mi porto solo alcune cibarie da casa altre le acquisto sul posto, non perchè non voglio acquistare, ma perchè amo cucinare e affronto un viaggio, pago bus, taxi, ristoranti, negozietti di souvenirs, tasse locali come ad esempio parcheggi in zona blu, e porto i miei soldi in tasca al paese/città che mi ospita, mi creda, non pochi, già solo farmi fregare dai benzinai di Cagliari dove pago il diesel 1.6 quando a Torino dietro casa mia costa 1.3.

    Non esiste nessun camper che carichi 600 litri d’acuqa o forse esiste nella sua spiccata fantasia, l astessa che l’ha spinta a scrivere questo obrobrio, io ne ho 180 alcuni 240, che carichiamo e scarichiamo nelle aree attrezzate gratuite, e ce ne sono migliaia, quasi ogni autogrill ne ha una.

    Ho preso traghetti per la norvegia, svezia, isola d’elba e sicilia e da camperista sopra i 6 metri pago come 3 auto, la tariffa agevolata la trova solo lei non so come ma la invito a trovarmene una cosi la prossima volta la userò anche io. DEVO prenotare prima il traghetto perchè 10 giorni prima verrei a nuoto in quanto le stesse compagnie avvertono della mancanza di posti causa prenotazione tardiva.

    La invito a continuare a battersi per la sua isola come fa ora ma prima dovrebbe farsi una cultura e capire come gli altri camperisti si comportano altrove. Fortunatamente io vado solo all’estero dove non solo sono più cordiali e permissivi ma hanno anche attrezzature e servizi che la sua isola come la mia città possono solo sognare. Il mio vicino di casa è sardo, e un paio di volte l’abbiam beccato a buttare il sacco della monnezza dal balcone, ovviamente a differenza sua, mi guardo bene dall’etichettare “animale” ogni sardo esistente, ma se dovessi seguire la sua etica forse dovrei farlo.

    Reply
    1. 4.1

      Paolo Màsala

      d’accordo su tutto, solo una precisazione. I costi dei carburanti in Sardegna sono alti perchè arrivano via nave… non ci sono ne gasdotti ne oleodotti (e per fortuna, non oso immaginare lo scempio che ne deriverebbe). Ovviamente poi ci sono i furbetti, ma di quelli le mamme sono sempre incinte purtroppo.

      Reply
      1. 4.1.1

        Max

        chiedo venia non lo sapevo, essendo stato anche in altre isole dove la benzina costava di meno, non ho pensato alla lunga traversata che deve fare per arrivare li

        Reply
      2. 4.1.2

        Nicola

        signora Paola, le ricordo che a pochi km da Cagliari cè una delle più grandi raffinerie d’Italia se non d’Europa. Il costo elevato dei carburanti è dovuto alle accise e ai furbetti.

        Reply
  5. 5

    Camperista sardo

    Mai lette tante castronerie tutte insieme e lo scrivo da sardo residente in Sardegna e camperista da oltre 15 anni.
    Il sig. Roverati ignora completamente cosa sia un camper e disegna un quadro che c’è solo nella sua fervida fantasia come chiunque conosca anche solo per sentito dire i camper ed il mondo dei camperisti può dimostrare tecnicamente e dati alla mano in pochi secondi.
    Mi chiedo cosa possa spingerlo a fare una così brutta figura davanti ai suoi lettori oppure quale altro interesse abbia a scrivere queste cose.

    Reply
  6. 6

    Boris

    No si capisce dove e come lei estrapoli dati e cifre a sostegno delle sue offensive affermazioni.
    Guardi di documentarsi, si accorgera’ che le cose che ha scritto, sono oltre che diffamatorie anche assolutamente campate per aria. Del resto, se uno parla da ignorante, non puo’ che rischiare di essere ridicolo.

    Reply
  7. 7

    Benito bini

    Il poverino dovrebbe esserci e vedere;se quello che scrive è verità ,potrà vederlo di persona ,non solo in Sardegna ,il turismo intinerante da un reddito ovunque , Benito bini☹️☹️

    Reply
  8. 8

    Alberto

    Come scrivere un articolo senza conoscere minimamente l’argomento.

    Reply
  9. 9

    Marino Scarsetti

    Per fortuna che c’è anche tantissima gente normale anzi squisita in Sardegna…

    Reply
  10. 10

    Teresa

    Caro sig. Se cosi si puo chiamare sono una camperista si deve solo vergogniare di cio’ che scrive ! Sono stata in sardegna per sette anni e le garantisvo che non e per niente economica ovunque ci siamo comportati bene e pagato vergogniaaaa

    Reply
  11. 11

    Francesco Orru

    Più che criticare i camperisti andrebbero criticati chi a pagamento offre servizi fatiscenti e acqua non potabile, dovrebbero vergognarsi, quella è una schifezza: a Buggerru scoprimmo che l’acqua caricabile non era potabile solo dopo essere entrati, quindi dopo aver pagato salato l’ingresso, nell’area camper comunale?

    Reply
  12. 12

    Cristina

    Perfetto, meglio che i camperisti quest’anno vadano nella meravigliosa Umbria, Marche, Abruzzo dove non dovranno pagare traghetto arricchendo le compagnie, dove acquisteranno prodotti locali aiutando le popolazioni del centro Italia a risollevarsi portando turismo. Non scaricheranno per strada nonostante facciano sosta libera perché i camperisti amano la natura e la rispettano.
    Portiamo i nostri camper laddove hanno capito che l’avatar viaggiando è una risorsa.
    Amen

    Reply
  13. 13

    Alessio

    il mio camper carica 100 lt d’acqua, pesa a secco 2900 kg e con 600kg solo di acqua più il resto, gli assi si piegherebbero… ma poi lei lo sa che il limite di peso consentito dalla patente B è a 3500Kg? Se carico 600 kg di acqua, i passeggeri, gli abiti e gli altri bagagli come gli trasporto? Sarei fuori peso di mille chili almeno…. Le acque nere e grige si scaricano normalmente in campeggio o nelle aree attrezzate, in Sardegna ci sono anche gratis (Marrubiu, Oristano, Ghilarza ecc ecc), con questo non escludo che qualcuno scarichi in modo illegale, ma questo avviene anche per la spazzatura lasciata quà e la nelle piazzuole in strada, deplorevole e non giustificabile certo, ma il trattamento da riservare a questi incivili dovrebbe essere lo stesso. Il mio camper ha un frigo da 80lt, il freezer è da 5 lt, ci stanno due lattine di birra da mezzo litro! Lei pensa che potrei portarmi dietro viveri e stare autonomo per molto tempo? Sa quanto consuma un camper? Sa quanto pago per fare un pieno, la spesa per mangiare (prodotti freschi mica mangio solo scatolette), i parcheggi, i mezzi pubblici, i musei e i souvenir? Lei probabilmente potrebbe difendersi affermando che non si riferiva in modo diretto a me, che sembro un camperista per bene (sardo per giunta), ma allora dovrebbe imparare a esprimersi meglio. Spero solo che non sia giornalista di mestiere! Saluti

    Reply
  14. 14

    Cristina

    Perfetto, meglio che i camperisti quest’anno vadano nella meravigliosa Umbria, Marche, Abruzzo dove non dovranno pagare traghetto arricchendo le compagnie, dove acquisteranno prodotti locali aiutando le popolazioni del centro Italia a risollevarsi portando turismo. Non scaricheranno per strada nonostante facciano sosta libera perché i camperisti amano la natura e la rispettano.
    Portiamo i nostri camper laddove hanno capito che l’avatar viaggiando è una risorsa.
    Amen

    Reply
  15. 15

    Arbus “arbus57” Cinquantasette

    Complimenti Robin! Bellissimo articolo è condivido pienamente quello che hai scritto. Ma non faccio testo, sono uno fuori dal coro, le mie soste avvengono solo in campeggio, non viaggio in carovana e i miei pasti avvengono quasi sempre in ristorante…anzi sarebbe utile trovare più strutture ricettive aperte. Apprezzando la tua competenza e preparazione potresti scrivere un bell’articolo sull’accoglienza dei gestori sardi nel periodo pasquale, io qualche dato l’ho raccolto ma sono un camperista, per di più sardo e pure turista e quindi poco credibile. Ultimo consiglio, se vuoi offendere qualcuno non chiamarlo Unno. Se ti capita di aprire un libro di storia, questo popolo potrebbe riservati molte sorprese… come d’altronde, molti camperisti. Un affettuoso saluto.

    Reply
  16. 16

    Camperista Sardo

    Non voglio infierire ulteriormente sull’incauto autore, solo segnalare un dettaglio che spiega il suo odio verso i camperisti: egli è il proprietario di una struttura alberghiera nella costa Sud occidentale della Sardegna (vicino a Pula).
    Ciò ovviamente non giustifica minimamente le castronerie che scrive ma almeno ne spiega le motivazioni.
    Vorrei sapere cosa direbbe se qualcuno scrivesse che la maggior parte delle strutture come la sua hanno come unico scopo quello di pelare il turista con tariffe e prezzi da furto durante l’alta stagione.

    Reply
  17. 17

    Simone

    Egregio Sig. Roverati, è evidente che lei scrive senza conoscere la materia, non so se sia iscritto all’albo dei giornalisti , spero di no, sarebbe un grossa perdita di credibilità per chi invece svolge il proprio lavoro con professionalità.
    Io sono camperista da solo un anno ma posso confermarle che quanto ha descritto è totalmente falso. Deve sapere che al massimo un camper ha 200 litri d’acqua, la quale viene prelevata dai campeggi o aree di sosta a pagamento, quindi nessun furto. In tali occasioni si scaricano , sempre a pagamento acque grigie e nere. I rifiuti si buttano nei campeggi o nei bidoni adibiti, le posso assicurare che non ho mai visto nessuno gettare rifiuti…non siamo né zingheri né camionisti di passaggio…provenienti dall’est Europa. Deve sapere inoltre che il camperista spesso, forse anche troppo , usufruisce di campeggi..in Sardegna ad Agosto siamo sui 60€/giorno…acquistiamo prodotti locali, abbiamo grande piacere nel provare ristoranti tipici e fare shopping . Quindi siamo tutt’altro che locuste. Deve sapere inoltre che i nostri mezzi, per le grandi dimensioni non possono parcheggiare nei posti auto, vengono riservati appositi parcheggi. Quindi se ignora come si svolga realmente la vita del camperista abbia l’intelligenza o almeno il buon senso di non scrivere falsità che potrebbero indurre persone ignoranti come lei a dare falsi e offensivi giudizi . La invito quindi a porgere ufficialmente le sue scuse , in caso contrario confermerà quello che in molti stanno già pensando…su di lei.

    Reply
  18. 18

    Luca

    Belin, se li dice lui, allora io sto zitto! Tanto, come si dice dalle mie parti, è come pestare l’acqua nel mortaio……

    Reply
  19. 19

    Alessandro

    Visto così sembra che siamo veramente la peste , invece a me e alla mia famiglia ci risulta che per visitare una delle mie regioni visto che sono italiano e pago le tasse ho speso più di 1000 euro in 10 giorni senza calcolare quel fottuto traghetto che costa un boato . Sao che c’è ma andate a …..

    Reply
  20. 20

    luciano

    Sig. Roverati, al di là del fatto che sta mettendo in mostra solo la sua immensa ignoranza in materia, facciamo così: quest’estate nessun camperista verrà in Sardegna. Ci faccia sapere cosa ne penseranno gli addetti ai lavori a fine stagione. Poi ne riparleremo …

    Reply

Commenta

© Testata giornalistica registrata: Tribunale di Cagliari 43/1998. Editore Ad Maiora Media. Partita Iva: 03591220920. Realizzato da Up Web