Apertis Verbis

One Comment

  1. 1

    Romano

    Spero che il grande esperto di viabilità del Comune di Cagliari, quello che ha inventato le zone 30 e le zone 40, che vedono a cagliari un traffico fatto solo di pedoni ciclisti e mezzi pubblici, che purtroppo i cittadini saranno costretti volenti o nolenti ad abituarsi non tanto per amore del Green, ma per il fatto di essere sempre più impoveriti da questi governi attenti più ai clandestini che ai sardi, spero che uno di questi esperti della viabilità possa conoscere questa segnalazione inviata alla Municipalità ed al comune presso l’assessorato competente, dai quali non ho ricevuto nessuna risposta, nemmeno di cortesia, come fanno coloro che se ne fregano dei cittadini solo a chiacchiere.
    Nel rifacimento della segnaletica di Via Vesalio, in direzione della cittadella finanziaria, hanno vietato le svolte a sinistra in corrispondenza delle vie sulla sinistra. Infatti, le strisce spezzate per girare in Via dei Carbonari sono diventate continue, forse per evitare i frequenti tamponamenti dei distratti nei confronti di chi utilizzava quello svincolo per andare verso Via Risorgimento. Comunque le svolte avvengono comunque, altrimenti occorre fare un giro vizioso: superare la ferrovia, arrivare alla rotonda, girare su 360 gradi ed immettersi sulla strada che viene dall’Auchan Marconi la quale, sempre intasata, mette a rischio di incidenti tra chi deve andare in Via Vesalio e chi, subito dopo attraversata la ferrovia, deve girare subito a destra in Via Risorgimento.
    Ma oltre a questi pericoli e giri viziosi, chi percorre Via dei Carbonari rischia di essere travolto dai veicoli che arrivano dalla vicina curva di Via Risorgimento perché quasi nessuno osserva i 30 Km. orari di quel tratto, nemmeno il Bus del CTM. Una prima volta dissi che almeno si mettesse uno specchio parabolico, come quello che sta da chi esce dalla traversa della Farmacia Lintas, ma nessuno del Comune rispose. Dissi anche che in Via Risorgimento fosse necessaria una telecamera per controllare la velocità dei mezzi.
    La mia proposta è questa: In Via Vesalio, in corrispondenza di Via Fratelli d’Italia, c’è uno spazio sufficiente per fare una rotonda che consenta agli automobilisti che devono recarsi in Via Risorgimento ed in centro a Pirri, di evitare di commettere una infrazione, evitare tamponamenti, ed anche di non obbligare a fare quel percorso illogico ed altrettanto rischioso come indicato sopra.
    Logicamente ocorre modificare anche il senso di marcia in Via Fratelli d’Italia, ora permesso solo da via Risorgimento a Via Vesalio. Potrebbe anche diventare a doppio senso, limitando la sosta solo da un lato anziché in entrambi i lati, come in Via dei Carbonari.
    Spero di avere una risposta e, per sicurezza di ricevimento, la invio anche con la mia PEC
    Cordiali saluti.
    Romano Satolli – Presidente Unione Nazionale Consumatori-Sardegna

    Reply

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

© Testata giornalistica registrata: Tribunale di Cagliari 43/1998. Editore Ad Maiora Media. Partita Iva: 03591220920. Webdev Antonio Palumbo