Sport

One Comment

  1. 1

    Marco Meloni

    Ciao Paolo; in realtà non si tratta di una novità ma di una precisa applicazione del protocollo VAR; in caso di rilevazione di un fuorigioco che inficia la regolarità di una rete segnata da un giocatore che partecipa palesemente all’azione toccando il pallone, l’arbitro riceve semplicemente una segnalazione audio dal Var (un po’ come ai tempi nostri dovevamo fidarci della bandierina alzata dal guardalinee… non ancora assistente!). L’arbitro, come è capitato a Tagliavento in Crotone – Cagliari, è invitato ad andare al monitor per valutare se i giocatori in posizione di fuori gioco che non toccano il pallone partecipano comunque o no attivamente all’azione. Per il resto condivido appieno tutte le considerazioni a cominciare dai tre errori di Tagliavento, uno dei quali, l’espulsione di Pisacane, assolutamente rimarcato dal Giudice sportivo che per il presunto gioco violento messo a referto invece che le canoniche due giornate di squalifica ne ha comminato solo una e solo perché non poteva farne a meno! Avevo pronosticato che gli Arbitri ci avrebbero messo tutto quest’anno di sperimentazione per capire come funziona la Var, ma grazie alla spinta delle grandi squadre hanno capito tutto molto prima! Rimani sempre il mio collega preferito!

    Reply

Commenta

© Testata giornalistica registrata: Tribunale di Cagliari 43/1998. Editore Ad Maiora Media. Partita Iva: 03591220920. Webdev Antonio Palumbo