One Comment

  1. 1

    Pier Luigi Caffese

    Oggi la tecnologia di cattura e sequestro carbonio prevede il reuse CO2 mentre i dinosauri italiani vogliono un vecchio CCS geo solo per carpire soldi dallo Stato. – leggo su AGI energia un articolo che magnifica il CCS geo in Italia e Sardegna – dato che Agi è di proprietà Eni ed influenza il Governo con il meglio dei professori fossili d'Italia, ho il sospetto certo che si vuole dar soldi a petrolieri-gasisti-carbonari attraverso il perverso meccanismo del CCS geo che è una copia del vecchio Cip 6 che dava soldi ai fossili, mettendoli dentro gli incentivi alle rinnovabili. Difatti oggi ho dovuto dare dell'incompetente ad un commentatore che dava 12 miliardi di incentivi alle rinnovabili, dimenticando il vecchio cip 6 rifatto e sempre in vigore in varie leggine – riporto integralmente l'articolo di Toni Federico che reputa lo CCS geo la soluzione, mentre io propongo il reuse CO2 citando alcune tecniche – Il Presidente Sardegna che ha il Sulcis, se vuole sviluppare la Sardegna si dovrebbe attenere al mio piano che ho inviato ai Suoi uffici. Ma se non vuole sviluppare la Sardegna come vedo si attenga al piano RSE che è un piano caro e sbagliato 1700 milioni contro il mio da 500 milioni. Poi io ho inviato un piano globale di rilancia Sardegna che include anche il riutilizzo della Maddalena che oggi è un piano fallito per colpa di Governi precedenti sia a livello nazionale che Regionale. Rifugiarsi su un incentivo metano dato che il Galsi Algeria-Sardegna non si farà mai, o su trilellazioni da pazzi nei mari con l'impiego da vietare di airgun è solo fermare per sempre lo sviluppo in Sardegna che deve riconvertire l'industria decarbonizzandola. Riassumo con immagini i vari progetti presentati in Sardegna: – il sommergibile ad idrogeno è il miglior esempio di reuse Co2 che può impiantarsi a terra e nei porti – la pianta di guayule fu da me consigliata 10 anni fa. Credo che Eni abbia ripreso il mio progetto integrandola con il cardo, non capendo che il lattice di guayole era manna per la Sardegna che potrebbe piantare anche willow – il lago di mare a Capofrasca faceva vedere un progetto serio contro quello RSE ridicolo per i pompaggi – corollaria è un mio grande progetto che mi copiarono in Israele dove oggi fanno antitumori da coralli, piante marine, alghe – il grafico francese conferma che è meglio una filiera mare ben fatta da 5 miliardi che trivellazioni usando airgun – misi la sintesi del mio progetto su carta Sardegna ma mi dicono che questo progetto è chiuso in cassaforte per non disturbare Eni e Marcegaglia. Poi conteneva la interrelazione reuse Co2 Sulcis con Unica algafuel (prof. Cao) ma il tutto è sparito e sembra che adorni il salone di Cappellacci.

Comments are closed.

© Testata giornalistica registrata: Tribunale di Cagliari 43/1998. Editore Ad Maiora Media. Partita Iva: 03591220920. Realizzato da Up Web