Tabula rasa

8 Comments

  1. 1

    Romano

    Caro Cochise, ancora una volta hai centrato il bersaglio.

    Condivido in tutto questa tua amara analisi, che qualcuno potrebbe definirla populista, ma io dico che se lo è, sia benedetta, perchè è la voce del cittadino, di colui che ancora mantiene in vita questo scassatissimo Paese e, soprattutto, questa classe politica di nullafacenti ma, soprattutto, di incapaci e di mascalzoni che pensano solo ai propri interessi e dei loro amici. Oltre alla truffa della soppressione delle province, sostituite da non si sa bene che, abbiamo solo un aumento di strutture, di parassiti e di ladri. Anche la finta soppressione del Senato è un'alra di quelle truffe al popolo organizzata da poltici o, meglio, da pochi azzeccagarbugli che ci stanno prendendo in giro un'altra volta. Innanzi tutto i futuri senatori, hanno pensato di adeguare le loro indennità ai loro pari della Camera, e potranno avere due assistenti cadauno, logicamente pagati da noi. Ecco l'altra truffa che ci stanno preparando i nostri governanti. Se invece di fare tutte queste manfrine, avessero proceduto ad un taglio netto del 50% di deputati e senatori, tutti elettivi, avremmo risolto la questione in pochi mesi, invece di staaci a scassare i maroni con le solite manfrine. Ci vorrà una rivoluzione sul tipo di quella francese, per poter cambiare le cose?

    Reply

Commenta

© Testata giornalistica registrata: Tribunale di Cagliari 43/1998. Editore Ad Maiora Media. Partita Iva: 03591220920. Webdev Antonio Palumbo