14 Comments

  1. 1
    Carla Rubattu

    Carla Rubattu

    Brava ,finalmente ,mi stavo preoccupando ,tutte sarde boldriniane

    Reply
    1. 1.1
      Bianca Maria Rosaria Balata

      Bianca Maria Rosaria Balata

      Niente di tutto ciò , non ci facciamo condizionare dal politicamente corretto . Grazie del commento 👍

      Reply
  2. 2
    Carmen Altea Depau

    Carmen Altea Depau

    Tutta la mia Solidarietà alla Signora.Condivido.

    Reply
    1. 2.1

      Simona

      Anche la mia …. e attenzione se non si puniscono x cio che commettono tra pochi anni ritorneremo al medio evo ….x tutte quelle sinistre buoniste del c….non ricordano quando giovani andavano in piazza x i diritti di noi donne? O la pannocchia arrostita ha dato loro alla testa?

      Reply
  3. 3
    Giovanna Bonino

    Giovanna Bonino

    Condivido tutto quello che Biancamaria ha detto

    Reply
  4. 4
    Elio Langiu

    Elio Langiu

    Nessuno sconto verso questi violenti.
    Nessuna riserva né giustificazione, ma solo una condanna senza se e senza ma, al contrario un aggravante in quanto ” ospiti ” della nostra terra.
    Per il resto il mio parere è netto: rimangano a casa loro e sia la comunità internazionale a prendersene cura a casa loro.
    Basta solidarietà verso l’ Italia senza atti concreti.
    Tutto il resto a mio modesto parere è ipocrisia pura.

    Reply
  5. 5
    Mario Piras

    Mario Piras

    Chiunque sia a prescindere dalla provenienza deve essere punito e condannato.
    Oggi purtroppo col buonismo si tende a giustificare delle azioni “scorrette” X non essere accusati di razzismo … chi sbaglia deve pagare.
    E se di fuori dovrebbe essere rimandato a casa sua.

    Reply
  6. 6
    Gio Karalis

    Gio Karalis

    Basta con questo buonismo ipocrita…..la violenza non ha colore, va sempre condannata senza attenuanti razziali!!!!

    Reply
  7. 7
    Giuseppe Contini

    Giuseppe Contini

    Non vi è dubbio che l’episodio in questione offra molti spunti di riflessione, ad esempio il fatto che una o un capotreno si trovino da soli ad esigere il rispetto di regole di vita sociale, che tale ruolo venga svolto sia di giorno che di notte. Che si possano incontrare tante persone con le più svariate intenzioni e visioni della vita. Probabilmente in tanti avrebbero scelto la soluzione facile di lasciare perdere il gruppo di extra italiani e magari dedicare il controllo e magari la sanzione all’operaio pendolare. La signora capotreno ha fatto il suo dovere. In campo quando i calciatori minacciano l’arbitro vengono allontanati. La stessa regola andrebbe applicata ovunque a coloro che dopo avere violato palesemente le regole ingiurino e minaccino i tutori delle regole stesse.

    Reply
  8. 8
    Francesco Piras Piras

    Francesco Piras Piras

    Che schifo questa povera Italia, svenduta dai nostri politici corrotti ed incompetenti.

    Reply
  9. 9
    Italo Macis

    Italo Macis

    Questo paese e in delirio totale veramente fa schifo…

    Reply
  10. 10
    Mariano Usai

    Mariano Usai

    I loro cavalli di battaglia di una vita oggi scompaiono davanti all immigrato.addirittura ricorrendo alla censura o alla deformazione dei fatti.
    Sono dei miserabili pericolosi..

    Reply
  11. 11

    Simona

    Anche la mia piena solidarietà….e x tutte le sinistre buoniste ….non ricordano piu quando ancora giovani scendevano in piazza x i nostri diritti.. Questi signori sono da punire senno davvero tra qualche anno si torna al medio evo….o la pannocchia arrostita vi ha dato alla testa?

    Reply

Commenta

© Testata giornalistica registrata: Tribunale di Cagliari 43/1998. Editore Ad Maiora Media. Partita Iva: 03591220920. Realizzato da Up Web