Cronaca

8 Comments

  1. 1
    Andrea Putzulu

    Andrea Putzulu

    Se ne ricordino al momento delle prossime amministrative

    Reply
  2. 2
    Pierangela Masili

    Pierangela Masili

    Quei negozi sono chiusi da anni, in macchina non ci si poteva fermare perchè i parcheggi erano occupati dai residenti. La crisi ha fatto chiudere i battenti e la chiusura dell’ospedale civile ha fatto traslocare centinaia di abitanti altrove.

    Reply
  3. 3
    Mario Zucca

    Mario Zucca

    Sembra quasi che prima il corso fosse il massimo della viabilità e che gli abitanti fossero felicissimi …ma veramente pensate che i centri commerciali nn abbiano influito?ma perché nn fatte delle analisi serie.Per favore !

    Reply
    1. 3.1
      Pierangela Masili

      Pierangela Masili

      Chiuso il Civile, Macciotta, cliniche varie. Studenti e dipendenti trasferiti a Sestu. Metà dei miei clienti non ci abita piu.

      Reply
    2. 3.2
      Pierangela Masili

      Pierangela Masili

      Pensiamo poi alle centinaia di visitatori o pazienti che l’ospedale attirava per visite mediche o per venire a trovare i parenti ricoverati. Gente che arrivava la mattina in corriera e ingannava il tempo passeggiando o facendo compere in centro.

      Reply
  4. 4
    Antonina Foddanu

    Antonina Foddanu

    E come essere bombardata , ammazzano di tasse a vita natural durante !

    Reply
  5. 5
    Dany Danilo

    Dany Danilo

    Ne uccide più la bieca ideologia che la spada

    Reply
  6. 6

    Maria Antonietta Floris

    In rifermento alla lettera sul Corso nn c è tta la verità, dato che nn tti i residenti son d’accordo sulla riapertura al traffico ,anche xké son sempre gli ultimi a sapere le cose , e nn vengono mai interpellati riguardo ai movimenti del quartiere !! Dato che come è sempre e sempre sarà sono i commercianti a far da padroni …ma poco importa ,ora come ora il Corso è più bello che mai ..con le macchine che finalmente son lontane dalle nostre case e il loro puzzo o il loro rumore molesto causato dai clacson e da motori rombanti ..nn disturba più il riposo pomeridiano d chi ha lavorato la notte x proteggere l incolumità di altri cittadini e ha ben diritto di godersi la città più civilizzata ..senza macchine !! Ma sarà meglio godere delle risate e del chiacchiericcio dei bambini che giocano x strada ….piuttosto che essere chiusi in una morsa di automobili odoranti di pericolosissimo co2….
    Potrei essere d’accordo solo su un punto …permettere ai mezzi di servizio il transito. .bus elettrico , mezzi di soccorso e taxi ….x il resto è solo questione di organizzarsi.e è solo questione di guardarsi intorno e prendere esempio da tante città Europee che hanno tante strade pedonali e nn mi pare che lo shopping nn sia morto in quelle città, anzi è più vivo che mai !!!
    Buona vita a tutti!
    Maria Antonietta Floris

    Reply

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

© Testata giornalistica registrata: Tribunale di Cagliari 43/1998. Editore Ad Maiora Media. Partita Iva: 03591220920. Webdev Antonio Palumbo