16 Comments

  1. 1
    Antonina Foddanu

    Antonina Foddanu

    Anche ad alghero , un giorno e sucesso una rissa , al questuante erano in due di colore gli hanno fatto rivolare le tasche gridavano come mati e poi lo hanno caricato nel furgone !

    Reply
  2. 2
    Lori Loris

    Lori Loris

    Anche a Cagliari stessa cosa in ogni angolo di bar tabacchi,poste,market ,e negozietti vari,te li trovi alle spalle con il capellino in mano pure quando vai al bancomat della posta …e una vergogna per i cittadini onesti che continuano a pagare le tasse e che nessuna istituzione o forza dell’ordine faccia qualcosa per tenere a bada questi finti profughi

    Reply
  3. 3
    Gianpietro Migheli

    Gianpietro Migheli

    E’ palese da troppo tempo che tale attività è subordinata ad uno sfruttamento.

    Reply
  4. 4
    Sergio N Troncia

    Sergio N Troncia

    E non solo a Sassari, anche ad Oristano. Iniziano ad essere anche abbastanza noiosi. L’anno scorso avevano fermato anche il Questore precedente per chiedergli soldi, ne parlarono tutti gli organi di stampa…

    Reply
  5. 5
    Andrea Piga

    Andrea Piga

    Continuate a foraggiarli… se nessuno gli desse nulla non si porrebbe il problema!

    Reply
  6. 6
    Nenne Dettorino

    Nenne Dettorino

    Da per tutto è organizzata. Quando qualcuno non può essere presente viene immediatamente sostituito!

    Reply
  7. 7
    Antonio Zolfino

    Antonio Zolfino

    Si molto ben organizzati. Questo i buonisti e schiavisti del PD renziani e compagni lo sanno bene.

    Reply
  8. 8
    Anna Pilo

    Anna Pilo

    Ma il sindaco Sanna non ha proibito l’ accattonaggio? ??, perché questi continuano. Ce mafia? ??

    Reply
    1. 8.1

      Luigi piluzza

      L, accattonaggio è proibito dalle leggi Italiane da sempre… Non avevamo bisogno del genio del sindaco di Sassari per ricordarcelo… Quello che non si può proibire , però, è la fame… Ecco perché proibire l, accattonaggio è inutile, oltre che stupido… Stupido proprio come il razzismo.. Anna Pilo, se anche tu o i tuoi figli aveste fame.. capiresti e delle leggi te ne fregheresti..

      Reply
      1. 8.1.1

        Cittadino sassarese

        Infatti a Sassari non è stato proibito l’accatonaggio ma quello molesto, ovverosia quando si obbligano coercitivamente o si minacciano le persone a fare la carità, altrimenti non è proibito

        Reply
  9. 9
    Salvatore Secchi

    Salvatore Secchi

    Alghero e ormai invasa di mendicanti sia al di fuori dei centri commerciali che nelle principali vie della città, immaginate cosa ci aspetta questa estate tra tappetti e venditori abusivi sia nel centro della città che in tutte le spiaggie un vero e proprio degrado

    Reply
  10. 11
    Antonello Sanna

    Antonello Sanna

    Lo so Fabio Vacca … ma non fare il ” razzista”

    Reply
  11. 12
    Matilde Carta

    Matilde Carta

    Oltretutto è fuorilegge non capisco x ché i sindaci lo permettano

    Reply
  12. 13

    Maria Curtis

    io non glie ne ho mai dato, e mai glie ne darò. E sono stanca della gente che dice che fare così è da insensibili! Non é VERO! e sono stanca della gente che continua a dire “poverini” coi prosciutti negli occhi.
    Non sono persone bisognose, perché sono mantenuti già da noi. non devono pagare un affitto, non hanno tasse, non hanno nessun tipo di dovere! Hanno vitto e alloggio, e anche un tot al giorno. Sono sempre ragazzi giovani e in salute. Perché non guardate con che telefoni vanno in giro? cioé, smartphone, non telefono…

    Reply
  13. 14

    Monica

    Proibito solo a parole ma non a fatti, visto e considerato che ogni giorno li trovo puntualmente davanti a ogni tipo di attività commerciale o vicolo centrale della città chiedendo l’elemosina.
    Ad essere sincera alcuni di loro mi fanno molta tenerezza perché il loro disagio è palese, altri sono talmente sfrontati che mi fanno pensare: “ma da quale guerra arrivano?” visto che non accettano cibo ma solo denaro.

    Reply

Commenta

© Testata giornalistica registrata: Tribunale di Cagliari 43/1998. Editore Ad Maiora Media. Partita Iva: 03591220920. Realizzato da Up Web